La programmazione degli allenamenti è importante !

Condividi con

Un mio amico l’altro giorno mi raccontava che al primo anno di università prese casa con un suo compagno di liceo. Stesse abitudini alimentari, stessa movida notturna tipica delle giovani matricole, solo che a fine esperienza il mio conoscente aveva messo 10 chili in più rispetto al suo compagno.

Mi raccontò questa cosa per ribadire una tesi che hanno in molti, e cioè che alcune persone sono fortunate perché geneticamente predisposte a non ingrassare.

Di certo sono persone fortunate, perché…

Sicuramente questi soggetti sono fortunati in quanto vivono nell’epoca contemporanea. Solo qualche migliaio di anni fa infatti non sarebbero sopravvissuti alla selezione naturale per la loro inadeguatezza ad accumulare riserve lipidiche. Oggi che sprechiamo mediamente un terzo del cibo prodotto nel mondo, chi non accumula tanto grasso non solo non è più un soggetto debole della selezione naturale, ma ha indubbiamente il vantaggio di sfoggiare una silhouette che cela potenziali sbronze ed abbuffate senza fine.

Ma qual è il vero focus?

Abbiamo assodato che alcune persone godono di ottime forme aldilà del loro stile di vita. È il momento di staccarci dal loop delle nostre invidie metaboliche nei confronti di chi mangia e non ingrassa, e concentrarci sul nostro stile di vita, che cambiando può portarci ai risultati tanto sperati.

Programmare, programmare, programmare

Alla base del cambiamento di uno stile di vita c’è la programmazione. Una pianificazione ottimale prevede tre punti fondamentali:

  • Alimentazione
  • Allenamento
  • Recupero

Primo aspetto: ALIMENTAZIONE

Spesso le aspettative si infrangono dopo la prima settimana passata dalla dieta ferrea. In solo sette giorni rimetti di nuovo i chili che avevi perso facendo un sacrificio immane per seguire un rigido regime alimentare. Con il ritorno delle cattive abitudini tutto si vanifica. È necessario cambiare prima la nostra routine, e col tempo arriveranno i vantaggi.

Mica mi sveglio di notte per mangiare?!

Uno dei problemi delle cattive abitudini, è dato dal fatto che non le noti. Voglio darti una dritta. Dal prossimo sabato, già dalla colazione, segna su un quaderno tutto quello che mangi e bevi (non è necessario indicare l’acqua), indicando l’ora di assunzione e la quantità. Porta avanti questo esercizio fino alla sera della domenica successiva – così da avere un diario di nove giorni – e il riscontro di due week-end. Paleserai già da solo anomalie nel tuo stile di vita, ma se vuoi dare inizio a un vero cambiamento, ti basterà portare le cronache dei degenerati sabato sera ad un nutrizionista, che ti aiuterà a cambiare alimentazione e a programmarla secondo le tue esigenze giornaliere.

Secondo aspetto: ALLENAMENTO

Se stai ancora leggendo l’articolo vuol dire il desiderio di una svolta è alto e sei sulla strada giusta. Il cambiamento delle abitudini alimentari va coadiuvato da un allenamento conforme alla tua fisicità.

Da quando faccio il personal trainer, non ho visto due bicipiti uguali. Ognuno di noi è diverso nella sua fisicità. Esercizi ottimali per bicipite di Tizio, sono inutili per il muscolo di Caio, e addirittura lesivi per quello di Sempronio.

L’importanza del personal trainer

Scrivo questo perché capita spesso che i ragazzi, pur di risparmiare, si affidino al Personal Trainer più economico. Sicuramente questo allenatore è presente in fase di allenamento, ma vi posso assicurare che del vostro fisico ne sa poco, perché per raggiungere un profitto mensile adeguato necessariamente dovrà standardizzare gli allenamenti dei suoi assistiti. Un personal trainer spende molto tempo nella fase preparatoria all’allenamento, e nel suo compenso somma anche quel lavoro di background. Come capita per la scelta di uno specialista medico, quando parliamo del nostro corpo dovremmo sempre affidarci a persone esperte e professionali.

Terzo aspetto: IL RECUPERO

Chi dorme non piglia pesci, ma sicuramente secerne gli ormoni nel migliore dei modi…

Proprio nel 2017 è stato assegnato il Nobel alla medicina agli scopritori dei meccanismi molecolari che regolano il nostro orologio biologico interno. Il terzo aspetto della nostra programmazione ruota attorno al recupero. Il sonno regola i tuoi ormoni, in particolare quelli dello stress. Minore sarà il tuo riposo, maggiore sarà la produzione più cortisolo. Potrà sembrare assurdo ma è così:

Se dormi poco e male, ingrassi!

Il metodo TRIFIT è un’ottimale forma di allenamento, e le caratteristiche di questa innovativa tipologia di training si addicono a chi ha intenzione di cambiare il proprio stile di vita. Esso infatti si basa su tre caratteristiche di programmazione:

  • Step di personalizzazione: dove con il tuo personal trainer concordi gli obiettivi da raggiungere, valutando l’intensità degli allenamenti così da evitare eventuali problemi fisici.
  • Lavoro in gruppo: nonostante il controllo e il lavoro personalizzato, ti allenerai con altre persone, così da creare amicizia, sostegno e motivazione reciproca. Inoltre è risaputo che in compagnia ci si diverte di più!
  • Monitorato: il personal trainer spende il tempo necessario sulla creazione di un allenamento basato sulla tua fisicità, ma stando in classe, il metodo TRIFIT risulta meno dispendioso.

 

Se ho scritto quest’articolo è per sottolineare che il wellness non deriva solo da una questione di fortuna, ma si raggiungere con pochi cambiamenti. Concordando l’intensità degli esercizi, attraverso il metodo TRIFIT puoi raggiungere la forma che hai sempre desiderato.

 

Datti un obiettivo e regalati un valido supporto per il tuo nuovo inizio !

Vai a questo LINK e trova la tua nuova seconda casa !

 

Vienici a trovare in palestra, noi ti aspettiamo !

 

Condividi con

Leave a Reply